Recensione Garmin Fenix 6

Garmin Fenix 6

Il Garmin Fenix ​​6 è uno dei, se non il migliore smartwatch multi-sport che si possa comprare, portando prestazioni e tracciamento di avventure così come la mappatura basata su GPS a quasi tutte le attività all'aperto che ti vengono in mente. Tuttavia, c'è un aspetto negativo. Viene fornito con un prezzo elevato che scoraggerà la maggior parte delle persone.

PROS

CONS

  • Non può essere battuto per il tracciamento all’aperto
  • Design solido e robusto
  • Tracciamento accurato dell’attività
  • Non ci sono molte nuove funzionalità rispetto a Fenix ​​5 Plus
  • Molto costoso
  • Non il più elegante degli orologi

Cosa dovresti cercare prima di acquistare un orologio intelligente?

Se vuoi vedere come Garmin Fenix 6 si confronta con i suoi principali concorrenti leggi il nostro articolo su: I migliori smartwatch per rapporto qualità prezzo

 

  • Il display leggermente più grande di Fenix 5 Plus aggiunge spazio per più dati
  • 7 g più leggero e 1,1 mm più piccolo del precedente modello equivalente
  • Lo stesso design robusto e resistente che durerà
 Nonostante l’aggiornamento del design, il Fenix 6 non ha un aspetto estremamente diverso quando viene affiancato al suo predecessore, il Fenix 5 Plus. Questo perché gli aggiornamenti sono piuttosto minori.
 

Nel complesso, sembra ancora piuttosto voluminoso rispetto alla maggior parte degli altri smartwatch sul mercato e persino ad altre gamme Garmin come le serie Vivoactive o Forerunner. Sebbene ci sia una buona ragione per questo ingombro extra (robustezza e durata della batteria) è ancora più sottile di 1,1 mm rispetto al modello Fenix 5 Plus, che misura 14,7 mm di spessore, che è giù da 15,8 mm.

Va bene, questo non è notevolmente più sottile al polso ma sembra leggermente più leggero – pesa 7 g in meno rispetto al precedente modello equivalente. Questo è un gradito miglioramento per uno smartwatch noto per essere piuttosto ingombrante.
 

Il più grande aggiornamento del design, tuttavia, può essere visto sul display, che ora è più grande del 17%, passando da un display da 1,2 pollici con risoluzione 240 x 240 a un’offerta più grande da 1,3 pollici, 260 x 260. Anche se questo non suona molto, significa che le informazioni di fitness sono visualizzate in un modo molto più intuitivo rispetto a prima in quanto ora possono mostrare campi di dati extra (personalizzabili).

Ad esempio, ora puoi adattare otto misurazioni di attività di tua scelta attorno ai bordi dello schermo del quadrante circolare anziché sei, grazie alla proprietà dello schermo leggermente più grande. Ciò ti consente di visualizzare più dati a colpo d’occhio senza dover scorrere tra i menu infiniti. L’aggiornamento della risoluzione significa anche che i dati sono solo un po ‘più nitidi, il che aiuta molto con questo tipo di display.

Se hai familiarità con i dispositivi Garmin, saprai che l’azienda non raggiunge la luminosità del display attraverso uno schermo AMOLED retroilluminato super potente come visto su molti altri smartwatch. Al contrario, utilizza la tecnologia transflective memory-in-pixel (MIP) che si basa su luci esterne per illuminare in condizioni di buona illuminazione.

Poi c’è una retroilluminazione a LED per quando sei al buio. Non sembra l’ideale, ma funziona davvero bene. Il display del Fenix 6 si illumina semplicemente alla luce diretta del sole, con tutti i tempi, le informazioni sulla frequenza cardiaca e le quote illuminate in modo superbo.

In termini di design generale, il Garmin Fenix 6 è ancora l’orologio che indossi solo per i grandi spazi aperti, e sicuramente non è qualcosa che potresti davvero usare come pezzo di stile di vita. Non è il pezzo più elegante di abbigliamento da polso là fuori (che, per il prezzo sarebbe bello), ma non era questo il motivo per cui questa serie è stata progettata (dai un’occhiata alla serie Vivoactive di Garmin per questo).

Fenix è stato creato per l’avventura: il tuo compagno mentre sei fuori nel grande sconosciuto. Tracciare tutto ciò che puoi lanciarci, indipendentemente dalle estremità in cui lo fai. È quindi costruito pensando alla robustezza, quindi può resistere anche agli elementi più difficili. L’ultimo modello non fa eccezione e deve essere il migliore nel suo genere.

La qualità costruttiva, ad esempio, è semplicemente superba e per questo motivo, non possiamo immaginare che si rompa mai. L’abbiamo lanciato sul fondo di una borsa, legato al polso durante le sessioni di pesi più pesanti, tenendo traccia delle lezioni di HIIT sudate, facendo escursioni nelle Alpi, corsa in città, tanto, e non c’è ancora nessun graffio in vista.

 

 

  • I widget rendono le informazioni più intuitive
  • Connettività GPS ottimizzata
  • L’aggiornamento del sensore della frequenza cardiaca ora può funzionare sott’acqua
 Garmin Fenix 6 non introduce alcuna funzionalità software che lo distingua drasticamente dal Garmin Fenix 5 Plus dell’anno precedente, ma piuttosto una serie di modifiche e regolazioni che contribuiscono a rendere l’orologio più intuitivo di prima.
 
Un esempio di ciò è l’introduzione di widget, che raggruppano i dati in blocchi più digeribili. Toccando semplicemente il pulsante su nella schermata principale, è possibile scorrere una serie molto più concentrata di registrazioni essenziali come ultima attività, passi, meteo, frequenza cardiaca, notifiche, controlli musicali e calendario, dando una panoramica di dati vitali a colpo d’occhio.
 
Non è un grande cambiamento rispetto a quello che abbiamo visto nella precedente serie Fenix, ma significa che non sei sopraffatto da fatti e cifre e puoi trovare le cose più facilmente. Altri perfezionamenti in questo senso si presentano sotto forma di gestione dell’alimentazione e trasparenza della batteria in modo che gli utenti possano capire meglio quanto durerà l’orologio. Ne parleremo di più nella sezione batteria, però.
 
Come praticamente per tutti gli altri dispositivi Garmin che abbiamo esaminato, le operazioni su schermo reagiscono istantaneamente alla pressione dei pulsanti.
 
I pulsanti sono ciò che utilizzerai sempre per interagire con Fenix 6 in quanto non esiste un touchscreen, e giustamente, per garantire che l’orologio sia reattivo in una pletora di ambienti, sia sott’acqua, sulla neve o in qualsiasi altro luogo. Un touchscreen non sarebbe adatto a un orologio creato per l’avventura come questo.
 
Uno dei miglioramenti più notevoli del monitoraggio multi-sport è l’aggiornamento al suo sensore della frequenza cardiaca. In precedenza, dovevi acquistare una fascia toracica aggiuntiva per tenere traccia della frequenza cardiaca durante il nuoto. Tuttavia, Garmin è riuscito a modificare il sensore in modo che ora possa misurare la frequenza cardiaca sott’acqua, eliminando la necessità della cinghia aggiuntiva.
 
Anche la connettività GPS ha avuto un piccolo impulso. Nella nostra esperienza, Fenix 6 ha rilevato il GPS quasi istantaneamente dopo aver premuto il pulsante di tracciamento dell’attività di avvio, con un messaggio “GPS connesso” che viene visualizzato dopo pochi secondi. A proposito, troverai la stessa grande precisione che abbiamo visto nella precedente formazione Fenix.
 
Durante una breve corsa in città, il Fenix 6 si è rivelato altrettanto impressionante. Ciò che abbiamo adorato qui è quanto è stato facile premere il pulsante Vai e iniziare a correre, senza preoccuparsi se avesse ancora trovato il GPS o che stesse misurando le cose correttamente, perché Garmin Fenix 6 è così affidabile.
 
Anche il monitoraggio del cardio durante un allenamento HIIT si è rivelato un’esperienza piacevole, anche se non si può dire lo stesso per l’allenamento stesso. Il Fenix 6 non si sente troppo pesante o voluminoso ai polsi mentre salta sulle scatole o fa oscillare i kettlebell e, a causa del posizionamento dei pulsanti, non correvamo il rischio di modificare accidentalmente le impostazioni o le opzioni di tracciamento durante un allenamento pesante.
 
Ottimi per coloro che considerano il tempo di riposo altrettanto importante dell’attività stessa, gli strumenti di recupero di Garmin sono presenti su Fenix 6, lavorando allo stesso modo di Fenix 5 Plus – per supportare il riposo e aiutare a prevenire lesioni.
 
Lo fa monitorando continuamente il tuo cuore e dandoti una frequenza cardiaca a riposo media (RHR) per la settimana. Ciò è particolarmente utile per individuare un’elevazione irregolare in RHR, il che sarebbe un buon segno che probabilmente dovresti rilassarti un po ‘. Come per Apple Watch 4 e Apple Watch 5, c’è anche un avviso anomalo sull’attività della frequenza cardiaca, un altro segno che probabilmente stai esagerando.
 
Come per la serie Fenix 5, su Fenix 6 sono presenti le stesse funzioni di “stile di vita”, come l’archiviazione della musica, il supporto del controllo Spotify e Garmin Pay per i pagamenti mobili.
 
Funzionano davvero bene, anche se sarebbe bello vedere Spotify lavorare in modalità offline, quindi non è necessario trasferire manualmente le tracce MP3 (non è il 2003, ragazzi!). Detto questo, Garmin afferma di lavorare attualmente su questo.

 

  • Afferma di durare fino a 48 giorni in modalità risparmio batteria
  • Un sacco di grandi miglioramenti software in modo che gli utenti possano risparmiare meglio la batteria
  • Ricarica relativamente veloce
Nella normale modalità smartwatch, Garmin afferma che dovresti ottenere 14 giorni di utilizzo da Fenix 6 prima che necessiti di una ricarica. Se si utilizza il GPS in modo continuo, il valore precipita fino a 36 ore o 72 ore quando è impostato sulla modalità GPS con batteria massima.
 
 Tuttavia, puoi estenderlo a 28 giorni se viene messo in modalità attività di spedizione GPS o anche ben 48 giorni nella nuova modalità di risparmio batteria. Non abbiamo ancora avuto l’orologio abbastanza a lungo per vedere quanto sono precisi questi reclami, ma saremo sicuri di aggiornarti ulteriormente lungo la linea.
 
Se scegli il modello Fenix 6 Pro, puoi aggiungere fino a 10 ore con le funzioni GPS e Music in uso. Anche la ricarica è relativamente veloce, impiegando meno di tre ore per riempire completamente la batteria.
 
Il 6X Pro Solar ha la stessa batteria, ma puoi prolungare il tempo tra una ricarica e l’altra grazie ai pannelli solari sul quadrante dell’orologio. Garmin ritiene che, in condizioni ottimali di luce solare, è possibile aggiungere altri tre giorni per un uso regolare o altre sei ore se si utilizza il GPS, anche se non siamo venduti sul dispositivo (ulteriori riflessioni in fondo a questa sezione ).
 
 Su tutta la linea, questi miglioramenti della batteria sono abbondanti rispetto al Fenix 5 Plus. E – come accennato in precedenza – questi sono stati in gran parte raggiunti tramite modifiche nel software di Fenix che rendono la gestione molto più intuitiva e consentono agli utenti di comprendere meglio quale tipo di potere rimangono. Questo è stato modificato in vari modi.
 
In primo luogo, invece di presentare un numero percentuale di batteria rimanente come si vede attualmente nella maggior parte degli smartwatch sul mercato, Fenix 6 ora riflette l’utilizzo rimanente nel tempo. Quindi, supponiamo che rimanga il 10% della batteria, che verrà visualizzato in giorni o ore.
 
Questo cambierà anche in tempo reale, a seconda di come usi l’orologio, riducendo il tempo rimanente se stai richiedendo di più dalla batteria, dì se stai usando il GPS o ascolti musica.
 
In secondo luogo, ora esiste anche una modalità di risparmio batteria, a cui è possibile accedere tenendo premuto il pulsante fisico nell’angolo in alto a sinistra dell’orologio. Da qui puoi scegliere di disabilitare alcune delle funzionalità note per scaricare la durata della batteria al fine di prolungare il tempo di visione.
 
Infine, l’altra fantastica funzionalità di gestione della batteria si presenta sotto forma di modalità Power Manager. Trovata in profondità nel menu delle impostazioni, questa opzione consente di selezionare tra una gamma di diverse modalità di alimentazione.
 
La migliore per il risparmio energetico è la modalità batteria massima, che disattiverà la maggior parte delle funzionalità più impegnative di Fenix 6, come i sensori di frequenza cardiaca, la musica, le notifiche del telefono e il GPS.
 
E se hai intenzione di portarlo a sciare con te, c’è anche una ‘Jacket Mode’, che è stata creata in modo che l’orologio possa essere indossato sulla cima di molti strati di abbigliamento, disattivando il monitoraggio della frequenza cardiaca, la musica e le notifiche ma ti sto ancora dando la navigazione GPS, per esempio.
 
La durata extra della batteria che si ottiene dal 6X Pro Solar è meno impressionante. Nei nostri test, non si è nemmeno abbinato alle stime della batteria di Garmin per il normale 6X, per non parlare del fatto che la ricarica solare può prolungare il tempo tra le visite al punto di connessione. In sette giorni di utilizzo, l’orologio ha perso 10 giorni di carica, nonostante accendessimo il GPS solo due volte e solo brevemente in ogni occasione.
 
Il suo più grande difetto è che in realtà non ti dice quanta durata della batteria hai risparmiato grazie alla ricarica solare. Raggiungiamo regolarmente il massimo livello di intensità solare, visualizzato da un grafico e un’icona nella schermata iniziale dell’orologio, ma non abbiamo modo di dire se ha fatto la differenza per la nostra batteria.
 
La decisione di Garmin di non includere quei dati nell’orologio è bizzarra: ci sarebbe piaciuto sapere quanto tempo in più avremmo guadagnato, anche se fossero passate solo poche ore. Senza tali informazioni, spendere di più per la ricarica solare sembra uno spreco di denaro.

Leave a Comment