Recensione Garmin Enduro

Garmin ha lanciato il nuovo orologio sportivo Enduro, rivolto agli ultrarunner e a coloro che gareggiano nelle gare di lunga distanza.

 

Garmin Enduro

OFFERTA LIMITATA
GPS ENDURO TITANIO
32 Reviews

Descrizione

È un’altra rivisitazione del Garmin Fenix ​​6, rivolto al segmento degli ultrarunning, con alcune caratteristiche uniche progettate per la vita sui sentieri.

Presenta la nuova tecnologia solare dell’azienda, che secondo Garmin offrirà fino a 65 giorni (in modalità di risparmio energetico) con 70 ore di tracciamento GPS, che salgono a 80 ore se si approfitta del solare.

Presenta la stessa struttura del Fenix ​​6X e lo stesso schermo LCD transflettivo a colori a bassa risoluzione 280×280, con un robusto case da 51 mm.

Tuttavia, siamo fan del nuovo cinturino in nylon UltraFit ed è più leggero del Fenix ​​6X. Punta la bilancia a 76 g per la versione standard e solo 58 g per la versione in titanio.

Il primo è un punteggio VO2 Max aggiornato che tiene conto del trail running. Sui dispositivi Garmin standard, il VO2 Max viene stimato in parte utilizzando l’andatura. Quindi i corridori che passano al trail possono trovare il ritmo più lento che martella il loro VO2 max. Il Garmin Enduro si adatterà a questo.

C’è anche un nuovo profilo sportivo ultrarun sul Garmin Enduro, con un pulsante di riposo che taggerà il tempo trascorso nei punti di soccorso durante le corse.

Tuttavia, non entra nella pianificazione della nutrizione e dell’idratazione, che è una caratteristica dell’eccellente Polar Grit X, e qualcosa che sarà di serio interesse per coloro che si alimentano per le distanze ultra.

E il resto è un distillato delle migliori funzionalità trovate su Fenix. C’è ClimbPro che mostrerà i dati sulle tue salite / discese in collina e, se hai caricato un percorso in anticipo, ti avviserà delle salite imminenti.

C’è anche un focus sulla preparazione della gara, con Recovery Advisor e allenamenti consigliati. Entrambi questi aspetti sono ancora più importanti per ultrarunner e ciclisti.

Il ciclismo non manca, e l’Enduro seguirà anche la difficoltà e la tecnicità dei percorsi MTB, con grinta e dati di flusso specializzati. Ricorderà anche i percorsi MTB e segnerà le tue prestazioni, così avrai qualcosa da battere la prossima volta.

In termini di salute e benessere, c’è un sensore SpO2 e produce i dati della batteria corporea che vengono filtrati negli ultimi smartwatch Garmin. Ricevi anche supporto per le notifiche, Garmin Pay e supporto per le comunicazioni satellitari Garmin InReach se stai davvero andando fuori rete.

Ricorda che l’Enduro segue gli aggiornamenti della serie Fenix ​​6, il che significa che questa nuova sezione del sonno guida un po ‘di più dietro le quinte delle semplici statistiche del sonno. Ad esempio, gli allenamenti giornalieri consigliati saranno influenzati se dormi male la notte, anche fino al punto di annullare l’allenamento pianificato. Questi sono gli allenamenti suggeriti per la corsa e il ciclismo, in base alla tua intensità recente, e aggiungendo un po ‘più di intensità e / o durata con allenamenti strutturati in quella che è essenzialmente una fase di costruzione senza fine. Ma ne riparleremo più avanti.

Inoltre, sull’enduro è possibile abilitare PulseOx, per la misurazione della SpO2. Ci sono due opzioni qui quando abilitate: una per misurare solo durante il sonno e una per misurare 24 × 7. Che a loro volta mappano i due scopi principali su come viene utilizzato, uno riguarda il sonno (come potenzialmente un indicatore del sonno o di problemi di salute) e due in ambienti ad alta quota come indicatore che qualcosa sta per andare terribilmente storto. Due casi d’uso totalmente diversi (nota: i medici e simili monitorano anche i livelli di ossigeno nel sangue per altri motivi). Per il primo, il sonno, puoi monitorare le tue letture PulseOx ogni notte. È la luce rossa che si accenderà sul retro dell’orologio. Questi dati vengono quindi tracciati sull’orologio e su GCM.

La nostra raccomandazione

Bisogna guardare il Garmin Enduro da due prospettive. Il primo è dall’ovvia prospettiva della durata della batteria. Meglio che io sappia, non c’è nessun altro orologio sportivo GPS là fuori che si avvicini a questi numeri per il tempo GPS-on, sia in una configurazione completa che in una configurazione di tracciamento ridotta (non da COROS, Casio, Suunto o Polar o chiunque altro) . E certamente non nelle modalità di batteria ultra-scarica: 300 ore sono folli. Questo è un salto significativo per la durata della batteria GPS sul mercato. Naturalmente, la maggior parte delle persone probabilmente non lo userà mai. Ma questo almeno riduce la frequenza con cui devi caricarlo anche se non stai facendo un ultra. Inoltre, ti dà più imbottitura per quando dimentichi di caricare.

In effetti, per prospettiva, non ho letteralmente mai ricaricato l’Enduro da quando ho iniziato questo ciclo di revisione il mese scorso. L’ho collegato brevemente per alcuni secondi per estrarre alcuni file una volta, ma per il resto è solo uno sbuffo. Certo, essendo in mezzo a molta neve ho un po ‘meno GPS fuori dal tempo del normale, ma non in modo sostanziale. Media di 8-10 ore a settimana all’aperto con attività GPS, poiché ho anche registrato vari spostamenti in bicicletta.

Ma tutto questo è un po ‘oltre il mio punto principale, che è lo stesso punto con cui ho iniziato questo post: se non ti interessa la durata della batteria, probabilmente Enduro ha poco senso per te. Stai pagando di più per meno funzionalità rispetto a un Fenix ​​6 Pro. Il cinturino in nylon è molto bello, ma puoi ottenerne molti oggi da rivenditori di terze parti, o presto anche dallo stesso Garmin, poiché il cinturino Enduro ha le stesse dimensioni del cinturino Fenix ​​6X.

La buona notizia è che questa durata della batteria non sembra essere venuta a scapito del GPS o della precisione della frequenza cardiaca, poiché quelli rimangono per lo più abbastanza buoni nei miei test e in linea con le altre unità che stavo testando (anche se, anche inclusa la loro capacità collettiva di lottare in una corsa all’inizio), e mentre ho visto un paio di stranezze di FC in una corsa, per lo più non ho visto quelle su allenamenti a intervalli ripetuti.

Leave a Comment